Author:
Date:
Category: Winefacts
Comments: none

L’estate volge al termine, e come ogni anno (nel nostro emisfero) arriva lei, la “V.” Attesa, temuta, desiderata che sia, è stata ed è l’attività economica e culturale più importante del nostro Paese e da qualche anno a questa parte oserei dire anche una delle più social e pubblicizzate. Il filo conduttore di questo post, anzi dei post “V per Vendemmia” sarà quello di uno sguardo sull’evoluzione della sua immagine negli ultimi decenni.

La vendemmia ha una storia antichissima, così antica che potremmo definirla gemella della civiltà, dal quel giorno in cui la vite e l’uomo decisero di addomesticarsi a vicenda. Un lavoro a cavallo tra ritualità ed simbolismo: “V” è insita nel DNA dell’uomo, nasce per essere di tutti ma non per tutti. Rappresenta l’ultimo grande sforzo prima di raccogliere e scoprire, finalmente, i frutti dell’anno per poi lasciarsi andare ai momenti di condivisione e libertà che da sempre chiudono la vendemmia.

Di tutti ma non per tutti dicevamo. Eppure, recentemente, il profilo della vendemmia ha subito mutazioni non indifferenti, estendendo la sua aura magica ad un pubblico sempre più attento al mondo del vino. Da un’immagine di fatica, schiene curve e mani sporche, “V” si è vestita da evento di festa più o meno glamour, postato e pubblicizzato in grande stile sui social fino a diventare in certi casi virtuale, un’occasione per conoscere a distanza l’attimo in cui l’uva inizia il suo percorso per diventare vino, stando comodamente seduti a casa. Follia? No questa è Vendemmia 3.0.

V per Vendemmia parte 1|3

© @laportland

Un simbolo che si fa social

Se un tempo l’annuncio della vendemmia e il reclutamento avveniva per lo più nel bar della Piazza, adesso viene proclamata, monitorata e mostrata sui social. La raccolta delle uve diventa l’occasione d’incontro tra azienda e consumatori, valorizzando il momento della festa e del brindisi.

Fontanafredda

Pensiamo a qualche anno fa…Per la vendemmia si chiamavano amici, parenti, compaesani: era il momento in cui potevano partecipare alla produzione di quel vino che molto probabilmente avrebbero bevuto nel corso dell’anno. Nonostante fosse sempre un momento di socialità risultava un evento ristretto a quella comunità che viveva attorno al vino ed al lavoro delle campagne. Ora la vendemmia è il lasciapassare per un evento aperto a tutti, dove la comunità è sostituita dalla community e la gioia è condivisibile anche sulle bacheche dei social networks.

Con questo spirito Fontanafredda ha rilanciato la sua vendemmia. Ogni anno, nei primi giorni di settembre, la storica azienda di Serralunga d’Alba apre i cancelli e si trasforma in una grande festa. Da mezzogiorno fino a tarda notte un susseguirsi di spettacoli, visite in cantina, degustazioni, intrattenimento per bambini e tanta tanta gastronomia firmata Eataly attendono i visitatori. L’evento centrale legato al vino? La pigiatura a cui è invitato chiunque abbia i piedi liberi!

V per Vendemmia parte 1|3

© @alex_fracca

La vendemmia notturna live di Donnafugata

Perché non farlo al chiaro di Luna? E perché non streaming?” Stiamo ovviamente parlando della vendemmia dello chardonnay della tenuta di Contessa Entellina! Quest’anno il 10 agosto sullo sfondo dell’evento Calici di Stelle “V” è stata in diretta mondiale per tutti i winelovers sul sito dedicato e sulla pagina Facebook. La serata si è articolata sullo sfondo di Calici di Stelle tra due live: il primo in italiano dalle 22.00 ed il secondo in inglese dalle 3.00, con degustazione, in streaming, di 4 vini, a seguire. Insomma quella di Donnafugata è stata una Social Wine Experience a 360 gradi, infatti tramite Twitter e Facebook è stato persino possibile interagire coi titolari della tenuta.

Che volere di più? Dal mese di agosto puoi seguire il reality “La Grande vendemmia” delle tue cantine del cuore direttamente da Facebook su cui magari troverai l’annuncio della successiva festa.

V per Vendemmia parte 1|3

© Donnafugatalive.com

Mandrarossa Vineyard Tour

“V”, in Casa Mandrarossa, si veste da itinerario alla scoperta delle bellezze del territorio di Menfi, o Menfishire, della sua cucina, dei suoi vini e del lavoro che richiedono. Prenotato il tour, agli ospiti non resta che immergersi nelle tante attività messe a disposizione dalla tenuta. Tappa d’obbligo? La Vendemmia! I partecipanti di quest’anno hanno potuto non solo vivere l’esperienza della raccolta delle uve da protagonisti ma sollevando lo sguardo, tra i filari, alcuni avranno riconosciuto i volti noti dei comici Aldo Baglio, Giovanni Storti ed Enrico Bertolino alle prese col duro lavoro del vignaiolo. Mandrarossa cerca di creare un contatto tra visitatori e territorio non solo proponendo l’assaggio dei prodotti tipici ma anche lasciando l’ospite libero di scegliere l’attività che più possa incontrare il suo interesse come le escursioni in gommone, in bicicletta o a cavallo, mentre gli amanti del relax possono semplicemente decidere di godersi la spiaggia delle Giache Bianche. In questa occasione si è tenuta la terza edizione dell’instameet @igers_agrigento. Gli instagramers di tutta la Sicilia si sono uniti sotto l’hashtag #vineyardtour per catturare le immagini più belle di questa esperienza creando una vera e propria Mandrarossa community.

V per Vendemmia parte 1|3

© Mandrarossa.it

Non è fantastico come l’antica V. riesca a stare al passo coi tempi? Insita nel nostro patrimonio culturale lei cambia con noi e da sociale diventa social nel paradosso del suo contesto. Infatti proprio quando non siamo mai stati più lontani dalla terra dall’alto dei nostri grattacieli ( o palazzi di 5 piani, ma grattacieli suona così bene, ci dà un’aria più metropolitana) proprio allora non vediamo l’ora di scendere verso la vendemmia e di metterci mani e piedi.

I tuoi ritmi quotidiani non ti lasciano il tempo per immergerti nella natura e sperimentare la vendemmia? Tra pochi giorni arriverà V per vendemmia 2 e ti mostrerà che anche tu puoi cimentarti nell’esperienza del vigneron! Agli interessati sarà necessario procurarsi una comoda seduta ed una connessione internet per poter poi degustare un vino interamente prodotto e confezionato dal loro salotto.