Autore:
Data:
Categoria: Winefacts
Commenti: nessuno

Non è più solo un dovere morale e civile, ma contrastare lo spreco alimentare è diventato una necessità. In Italia, ogni anno, si buttano nel cestino ben 13 miliardi di euro spesi in cibo (ANSA, ottobre 2015), pari quasi a 7 € per famiglia ogni settimana.Ci sono paesi che hanno maggiori perdite nella prima fase di produzione, altri in cui è invece il consumatore finale (ristoranti e famiglie) a creare sprechi alimentari.

La recente crisi economica ha cambiato le abitudini di molte famiglie italiane che, per risparmiare, cercano di acquistare minori quantità di cibo, riutilizzare maggiormente gli avanzi e fare più attenzione alle scadenze.

E nel mondo della produzione alimentare invece? Beh, anche in questo caso stanno nascendo sempre più progetti e metodi di lavorazione indirizzati a combattere lo spreco di cibo, alcuni molto innovativi, altri risalenti alla vecchia saggezza popolare.

BIRRA AL PANE

birrapane

“TOAST” è il nome della birra nata in un birrificio nella zona est di Londra. Dopo aver scoperto che ogni anno in Inghilterra vengono sprecati oltre 24 milioni di fette di pane, il birrificio Hachney ha accettato la sfida e ha ideato questa nuova Ale a base di avanzi di pane, luppoli, malto d’orzo e lieviti, in vendita online per 3£ a bottiglia, dal 28 gennaio 2016. Il ricavato sarà interamente devoluto alla banca del cibo Feedback.

[http://www.toastale.com/]

COLTIVARE FUNGHI CON IL CAFFè

funghi

Avete mai pensato a riutilizzare i fondi del caffè per produrre cibo? Senz’altro molti di voi sapranno che è un ottimo ingrediente nel campo della cosmesi, per impacchi anti cellulite o per uno scrub al naturale. Tuttavia negli ultimi anni, in primis nel mondo anglosassone, c’è stato un silenzioso boom di Coffee Mushroom Company e nomi simili. Anche l’Italia ha dato il suo contributo: “Funghi Espresso” e “Reco Funghi” sono solo due esempi.

L’idea alla base di tutto?

I fondi di caffè sono il substrato perfetto per la coltivazione di funghi, ricco di minerali e nutrienti perfetti per la loro crescita. Il ciclo che si viene a creare non solo è ecologico, ma con un impatto ambientale quasi pari a zero. Una volta consumato il prodotto finale, i fondi verranno riutilizzati sotto forma di compost.

[http://www.funghiespresso.com/] – [http://www.recofunghi.com/]

TARTUFI DOLCI CONTRO LO SPRECO

tartufo

Piccoli, dolci, intensi, i tartufi dolci racchiudono il potere del cioccolato di qualità in un unico boccone. Questi famosissimi dolcini sono perfetti per utilizzare gli avanzi di torte, biscotti, pandori o pan di spagna. Mia nonna sarebbe certamente d’accordo con me. Basta impastare uno degli ingredienti sopra citati con della panna fresca liquida, creare delle palline dal composto e passarle nel cacao. Completare ricoprendo i tartufini con della ganache (cioccolato fondente insieme a panna fresca portata quasi a bollore). Et voilà, combattere lo spreco alimentare non ha mai avuto sapore più dolce!

[http://www.torrone.it/it/]

Tags: