Autore:
Data:
Categoria: Winefacts
Commenti: nessuno

Nella vecchia fattoria IA-IA-INSTAGRAM!
Quante bestie ha zio Tobia..?

Quando eravate bambini, sognavate di dormire abbracciati a Fido oppure di andare a scuola in groppa a Fulmine? Di vivere circondati dagli animali e di comunicare con loro, come si fa con gli amici più intimi? Poi siete cresciuti e avete cominciato a postare foto di gatti e cani. In un’era in cui il richiamo della natura sembra farsi più forte, la coesistenza tra umani e animali diventa un vero e proprio meme, un oggetto da condividere sui social a ripetizione, forse nostalgicamente o forse per quel desiderio di “cute aggression”  – come hanno cercato di dimostrare alcuni psicologi e scienziati statunitensi – che ci porta a desiderare compulsivamente ciò che riteniamo carino e tenero. E le foto di animali, in questo, sono ottime forme di compulsione.

Se con i contadini più cool della Rete vi avevamo portato tre gli orti più trendy del momento, oggi proseguiamo con gli animal farm di Instagram. Si tratta di profili di “professionisti degli animali”, fattorie e allevatori che hanno scelto di promuoversi attraverso Instagram con immagini e storytelling fotografico dall’alto valore aggiunto: un acuto e tenero “ooooh” è dietro ad ogni loro foto. Non è una minaccia, ma una promessa.

Shabbysheepfarm

Felici. Così si descrivono nella fattoria “Shabby Sheep”, Texas. Qua allevano pecore, anche loro felici (e si vede), con l’aiuto del fedele Yeti ed un’alimentazione esclusivamente a base di erba, quella più sana e rispettosa dell’organismo dei ruminanti. Si producono formaggio, lana e coccole per tutti, umani compresi.
https://www.instagram.com/p/oghJUplP1k/?taken-by=shabbysheepfarm

Rockn_m_double_c

Un mix tra Balla coi Lupi e Sheena, regina della giungla. Dedicato a chi ha sempre sognato trascorrere la sua infanzia tra cavalli, bisonti e infinite distese dell’Iowa, in quella che una volta era la vecchia rotta delle mandrie dei bovini americani. Qualche tocco Washakie e Western, e il profilo instagram di questo bison ranch è condito a puntino, pronto per essere servito.

Ami, a day at Hollies.

A photo posted by Rock'n M Double C Ranch (@rockn_m_double_c) on

Sproutcreekfarm

Non aprite questo sito!! Cosa potrebbe succedere? Che compriate immediatamente un biglietto per New York. E non per visitare Central Park o la Statua della Libertà, ma per andare alla Sprout Creek Farm.
Tra mucche, pecore, capre, tacchini, maialini e galline (tutti allevati all’aperto), potrete non solo gustare i prodotti della fattoria (i loro formaggi hanno ricevuto premi internazionali!), ma partecipare attivamente ai loro programmi educativi. Un esempio? Per le giovani donne, la Sprout Creek Farm propone le Girls Overnight Week. In altre parole? Un’intera settimana passata tra amiche e attività legate alla vita da fattoria! Ecco un ennesimo motivo per voler tornare bambini.

Our first two kids were born this morning! Say hello to our sleeping baby girl! #hudsonvalley #kids #babygoatparty

A photo posted by Sprout Creek Farm (@sproutcreekfarm) on

Airyolland

AYE (che significa “Sì”) AIRYOLLAND! Tutta l’essenza scozzese racchiusa in una fattoria a sud-ovest di Edimburgo. Panorami e lotte tra highlanders (ndr. le mucche scozzesi, non gli uomini immortali) per i cuori più impavidi; baby scotch mule e un simpatico border collie per i più teneri. Insomma, tra concorsi di bellezza per le pecore e manti erbosi rigogliosi, non mi stupirei di veder spuntare il maialino Babe in una delle foto di AIRYOLLAND.


 

Post by BENEDETTA SALSI