Autore:
Data:
Categoria: Winefacts
Commenti: nessuno

Il sito Wine Searcher propone una lista costantemente aggiornata dei vini più costosi al mondo, stilando una classifica generale e una nazionale, secondo una media ponderata ricavata dalle offerte di oltre 54 mila negozi dell’intero pianeta. A partire dai prezzi proposti da Wine Searcher poi, il prezzo di una bottiglia può aumentare decisamente quando viene venduta ad un’asta. Infatti il vino non è fatto solo per essere bevuto, ma è anche un prodotto da collezione.

I prezzi ovviamente, seguendo le leggi di mercato, oscillano in base alle quantità rimaste e alla domanda. Non sempre si acquista vino per il piacere di berlo, perché talvolta lo si fa come investimento o per impreziosire la propria collezione privata: in questi casi le cifre possono diventare molto importanti. D’altra parte, come diceva Dalì: «I veri intenditori non bevono vino, degustano segreti». E i segreti si sa, non hanno prezzo.

Ecco a voi la classifica dei cinque vini più costosi al mondo.

5° posto

Bordeaux du Château Mouton Rothschild, 1945 | € 84.191

Questo prezzo è stato raggiunto a seguito di un acquisto anonimo avvenuto nel 1997 durante un’asta di Christie’s. Si tratta di un Jéroboam (3 litri) di uno dei vini più famosi al mondo, citato anche da James Bond, e di una delle migliori annate del secolo scorso. A giustificazione del prezzo stellare, sempre di questo vino ma nel formato classico da 0,75L, ne sono state vendute sei bottiglie durante un’asta al Sotheby di New York per 310 mila dollari. Alcune sono ancora disponibili sul sito www.evenite.it, dovete spendere comunque € 16.204,50 per metterne una nella vostra cantina privata!

www.chateau-mouton-rothschild.com

4° posto

Merlot du Château Cheval Blanc, 1947 | € 99.257

Anche in questo caso si tratta di un Jéroboam (3 litri), venduto nel 2006 a San Francisco. L’aspetto determinante è che Château Cheval Blanc è fra le case vinicole migliori del pianeta, una delle quattro ad aver conquistato la vetta della classificazione di Saint-Émilion (Premiere Grand Cru Classé). Sul sito www.uvinum.it, per 450 euro a bottiglia, potete aggiudicarvene una, ma non fatevi strane idee… stiamo parlando dell’annata 2013.

www.chateau-cheval-blanc.com

3° posto

Château Lafite, 1787 | € 117.530

Le ragioni dell’eccellenza di questa bottiglia? Viene da una casa vinicola di chiara fama e che produce Bordeaux sopraffini – anche se questo, vecchio più di 200 anni, non si beve: si colleziona. Inoltre, la bottiglia ha fatto parte della collezione privata del Presidente Thomas Jefferson. Ora appartiene all’editore Malcolm Forbes, quello della rivista Forbes, che l’ha acquistata nel 1985. Chissà se i vini che appartengono oggi a Barak Obama fra due secoli avranno lo stesso prestigio?

www.lafite.com

2° posto

Château Margaux, 1787 | € 165.275

Stesso anno (1787) e stesso proprietario originario, Thomas Jefferson (il suo incarico di ambasciatore in Francia l’ha aiutato nel coltivare questa passione, consentendogli di visitare le vigne di Bordeaux e Borgogna) del suo prestigioso vicino di podio. La storia di questa bottiglia è curiosa, apparteneva al mercante di vini William Sokolin, che nel 1989 la portò con sé a una cena organizzata da Château Margaux presso il Four Season Hotel di New York. Qui un cameriere la urtò, facendola cadere e mandandola in pezzi. Sokolin chiese all’assicurazione un risarcimento di 500 mila dollari, ottenendone 225 mila (che fanno appunto 165 mila euro e spicci al cambio dell’epoca). Di fatto la bottiglia non è mai stata venduta o bevuta da nessuno, ma merita comunque di entrare in classifica.

www.chateau-margaux.com

1° posto

Cabernet di Screaming Eagle, 1992 | € 228.228

Questo rosso, prodotto da una casa vinicola californiana, occupa la vetta in virtù dei soldi spesi nel corso di un’asta del 2000, dove appunto una Imperial da sei litri di Cabernet fu venduta per l’equivalente di 500 mila dollari. Purtroppo, l’intento benefico dell’iniziativa gli fa però occupare un ruolo trascurabile se parliamo di collezionismo puro legato al mondo del vino. Screaming Eagle rimane tuttavia una tenuta vinicola di ottimo livello, che produce pochissime bottiglie del suo Cabernet Sauvignon, distribuito solo in bottiglie singole.

www.screamingeagle.com

Se volete avventurarvi nella compravendita di bottiglie di un certo valore, vi segnaliamo un ottimo articolo scritto qualche tempo fa da Peter Keller sul sito Helvetia, attuale anche ai giorni nostri.

I veri intenditori non bevono vino, degustano segreti.

Salvador Dalì

Tags: